ISCER

Sistema Educativo Alimentare

ISCER

COS'E' IL SEA ISCER?Il sistema educativo alimentare ISCER non è una dieta, ma un sistema per educare a cibarsi correttamente, in maniera sana ed equilibrata in base alle necessità di ognuno di noi.
Questo sistema educativo alimentare (S.E.A.) desidera far capire alle persone perché le diete falliscono e perché la depressione, il diabete di tipo 2, la pressione alta e anche le malattie cardiache sono disturbi così diffusi. Vi spiegherò in modo che possiate comprendere al meglio le informazioni che ora ho appena elencato.

Mi presento sono la Dottoressa Isceri Lorenza mi occupavo di fisioterapia prima della nutrizione, ho un master in nutrizione clinica all'università Unicusano di Roma e sono un’ appassionata delle funzioni del cervello e delle emozioni della gente.
Ho studiato per molti anni la Programmazione Neuro Linguistica (PNL), ho seguito corsi di ipnosi e dopo gli innumerevoli studi ho iniziato a farmi una grande quantità di domande, di come le persone agiscono in modo diverso nelle situazioni in base alle sostanze chimiche in circolo nel corpo e nel cervello.
A volte trovandomi ad osservare gli esseri umani guardavo i loro atteggiamenti per capire quale reazione chimica stava producendo il cervello in quel momento e quale cibo potevano aver ingerito per azionare tale chimica comportamentale.

Come si producono le reazioni chimiche?

Le reazioni chimiche sono prodotte dal cibo che ingeriamo e dalle emozioni, quindi dovevo studiare quale reazione chimica produce un determinato alimento all’interno del corpo e da qui iniziò la mia avventura nel mondo degli alimenti e del cervello umano.
Feci un master in dietologia, che non mi servì a molto dato che tutta la scienza attuale in questo campo si basa sul calcolo delle calorie e sul convincimento che i grassi ingrassano, cosa a cui io non credo assolutamente, e vi spiegherò il perché. Iniziai a comprendere che il padrone di tutto il nostro corpo è il cervello, a volte lui ci domina inducendoci a scegliere certi cibi che non sempre sono quelli che ci fanno bene.

NON PROPONGO DIETE

Sia ben chiaro che non propongo diete, il SEA ISCER propone uno stile di vita più sana alimentandovi meglio, quindi non sentitevi ossessionati dai chili di troppo, perdere peso sarà una conseguenza della vostra sana alimentazione, e ricordatevi che, se per distruggere il vostro corpo occorre una vita intera, altrettanto tempo occorrerà a rimediare al danno.

INFORMAZIONE E VERITA'

Sono una donna che cerca la verità, mi considero una ricercatrice dell’equilibrio tra mente e corpo.
Cerco di migliorare la vita delle persone ,non ho una laurea in dietologia ne aspiro ad averla, ho un master in nutrizione clinica e non faccio diete ma EDUCAZIONE ALIMENTARE, cerco di informare le persone che come me vogliono migliorare la loro vita fisica e mentale e che tengono alla loro salute.
Sono un ex obesa, avevo 23 kg di più, il mio percorso è stato difficile, ma è proprio da questi 23 kg che sono uscite le cose migliori e la mia passione per la comprensione della chimica alimentare. La frustrazione di essere additata come grassa, di provarmi i pantaloni e non entrarci per poi infilarmi sempre quei maledetti pantaloni della tuta con l’elastico l’ho provata anch’io, sono tutte situazioni ed emozioni che comprendo benissimo, quindi leggete fino in fondo e capirete molte cose.

ATTENTI ALLA PUBBLICITA'

Attenti a pastiglie, integratori ricchi di zucchero, bibitoni proteici dimagranti, cibi liofilizzati fatti di soia che sembrano omelette.
I mezzi pubblicitari propinano diete e cibi e foraggiano industrie farmaceutiche ingannando e danneggiando la gente che diventa grassa, depressa e malata perché così possono lavorare le case farmaceutiche.
Senza malattie, senza il bisogno di mille farmaci inutili, dai costi proibitivi e gli effetti mortali, le case farmaceutiche sarebbero tagliate fuori dal business che si fonda interamente sulla necessità che la gente continui ad ammalarsi, ma, la cosa più orribile è che certe industrie di biscotti ( di cui non posso citarne il nome, ma che sono conosciutissime in Italia e nel mondo) che pubblicizzano il loro prodotto come senza zucchero ( e non è vero ) abbiano la percentuale su alcune ditte farmaceutiche che vendono farmaci per diabetici.
E’ orribile che queste ditte, tentano in tutti i modi di farvi ammalare e dall’altra vi uccidano totalmente.
Vi spiegherò la chimica cerebrale per farvi capire quanto complesso e meraviglioso è il nostro corpo e il nostro cervello, quali sostanze produce e come possiamo aiutarlo alimentandoci correttamente.

LA CHIMICA DEL CERVELLO: LA SEROTONINA

Perdere peso? Si, si può e mantenendo il dimagrimento nel lungo termine.
Tutte le vostre diete hanno fallito perché non hanno mai tenuto conto di regolarizzare la chimica cerebrale che vi è tra la serotonina e l’insulina.
La serotonina è un neurotrasmettitore importantissimo, il maggiore tra tutti quelli che hanno un ruolo nella chimica del cervello. Il corpo e la mente lavorano meglio solo se la funzione tra i livelli di serotonina sono mantenuti stabili.
Questo neurotrasmettitore non controlla solo il desiderio di carboidrati, ma riduce naturalmente l’appetito e regola il meccanismo di controllo della sazietà che è essenziale nella perdita di peso e nel mantenimento.
Il concetto base della perdita di peso è: se mangi più cibo di quanto il tuo corpo ne richieda, esso verrà immagazzinato sotto forma di grasso, questo è vero se c’è un eccesso di carboidrati e l’eccesso viene immagazzinato come grasso, allo stesso tempo proteine e grassi possono essere utilizzati dal corpo per la ricostruzione e il ripristino delle cellule, degli ormoni, degli enzimi, dei muscoli, dei neurotrasmettitori.
I livelli di serotonina sono cruciali anche per alleviare la depressione, l’ansia, gli attacchi di panico, lo stress, il mal di testa, l’emicrania, il dolore ecc.
Una volta raggiunti e mantenuti livelli adeguati di serotonina non solo comincerete a perdere peso, ma sarete anche di ottimo umore, vi sentirete meno stressati, dormirete bene, sarete più calmi e concentrati, più energici.

COME SI ABBASSA LA SEROTONINA?

Tutto nella vita sembra abbassare i livelli di serotonina, l’aumento dello stress, la mancanza di sonno ristoratore, un’alimentazione povera, uno stile di vita sedentario, una dieta con pochi grassi, eccessivo consumo di carboidrati, zucchero, dolcificante artificiale, nicotina, cioccolata, alcool, farmaci, efedrina.
Al giorno d’oggi tutti siamo stressati, dormiamo ma senza riposare realmente bene bevendo molti caffè legati all’abitudine.
Durante la giornata ci sentiamo depressi, irritabili, stanchi già appena alzati dal letto, ansiosi e facili all’ira perché si abbassa la serotonina.
Cerchiamo un sollievo emotivo, quindi? La nostra mente inconsciamente, senza usare il lobo frontale, ci induce a cercare i tipi di cibi e le sostanze capaci di stimolare la produzione di serotonina, così da farci stare bene.
La maggior parte di noi non sa perché desidera dolci, cioccolato, patate fritte, caffè, alcool. Pensiamo di essere deboli, dipendenti e senza forza di volontà e invece è l’effetto dell’abbassamento di serotonina che ci richiede questi cibi.
Introducendo zuccheri e carboidrati oltre ad aumentare la serotonina si alza anche l’insulina e questa è l’ormone che porta ad immagazzinare il grasso.
Il cervello abituato ad alte dosi di serotonina prodotte dai cibi carichi di zucchero e carboidrati appena si abbassa il livello vi induce a mangiare certi cibi e continuerà a portarvi verso quei cibi.

COME SI PUO' RAGGIUNGERE E MANTENERE LIVELLI DI SEROTONINA ADEGUATI?

Il SEA ISCER vi insegnerà tutto questo, imparerete a nutrirvi in maniera bilanciata con cibi ricchi di triptofano come: pesce fresco, latte,uova,formaggio fresco ecc.
Dovete anche eliminare lo stress, le droghe, gli stimolanti (caffè, thè, efedrina, carboidrati ad alto indice glicemico, lo zucchero, i dolcificanti artificiali, i farmaci, la nicotina, l’alcool e tutto ciò che può liberare insulina.
SIETE GRASSI PERCHE’ AVETE UNA SINDROME DA CARENZA DI SEROTONINA.

BENEFICI DERIVANTI DA LIVELLI ADEGUATI DI SEROTONINA

I benefici sono molteplici: il cervello sta bene e non avrà più bisogno di sostanze come i carboidrati ad alto indice glicemico.
Sarete felici, energici, concentrati, lucidi e creativi; corpo e mente saranno in equilibrio.

SALTARE I PASTI NON FA BENE

Se saltate i pasti e poi mangiate il vostro cervello dice: non ho idea di quando mi nutrirai nuovamente quindi ora immagazzino tutto in grassi; oltre a questo il metabolismo consumerà sempre meno.

I GRASSI

I grassi vegetali sono ottimi per la salute: rigenerano i tessuti, forniscono più energia dei carboidrati. Il vostro corpo ha bisogno di grassi per bruciare i grassi. Le diete povere di grassi vi renderanno più grassi e più malati.
Mangiare grassi salubri non fa ingrassare.

QUALI SONO I GRASSI SALUBRI?

I grassi alimentari “buoni”disponibili in natura, vegetali e animali:
• olio di oliva extra vergine;
• olio di cocco;
• olio di noci;
• olio di semi di lino;
• omega 3 ;
• omega 6;
• omega 9;
• sgombro;
• tonno;
• sarde;
• salmone;
• tacchino;
• avocado;
• noci.

PRODOTTI DIETETICI

Non comprate prodotti denominati dietetici (light), hanno pochi grassi e sono pieni di zuccheri. Quando si tolgono i grassi, le industrie per dare più sapore al prodotto aggiungono lo zucchero.

Cos'è la serotonina e a cosa serve

Si sente spesso parlare di serotonina, soprattutto in relazione ad i suoi effetti benefici sullo stato d'animo e l'umore. Tuttavia la serotonina è coinvolta in moltissimi altre funzioni dell'organismo ed i suoi livelli influenzano notevolmente vari aspetti della nostra vita.

Ma cos'è realmente la serotonina?
La serotonina è un neurotrasmettitore, detto anche ormone del buonumore, che viene sintetizzato nel sistema nervoso centrale a partire da un amminoacido chiamato triptofano. La maggior concentrazione di serotonina si trova in tre parti specifiche del corpo: il sangue, il cervello e i muscoli lisci dell'intestino. Nello specifico nel sangue la serotonina si trova nelle piastrine, mentre nel cervello si trova nelle sinapsi del sistema nervoso.
La presenza di questa sostanza in queste tre parti del corpo si associa al controllo di funzioni specifiche fondamentali come l'umore, l'appetito, il sonno, il desiderio sessuale e l'aggressività. Queste numerose funzioni rendono la serotonina molto importante per tutti i sistemi del corpo umano e la sua carenza comporta:
1) disturbi dell'umore,
2) disturbi alimentari,
3) un difettoso controllo dell'appetito,
4) la comparsa della sindrome premestruale,
5) la fibromialgia,
6) l'autismo,
7) dolore in caso di emicrania.
Di fatto la serotonina espleta una funzione diversa a seconda della zona del corpo dove si trova. Potremmo spiegare meglio la sua funzione paragonando la serotonina ad una chiave che per esercitare la propria azione ha bisogno di entrare in specifiche serrature, rappresentate dai suoi recettori; l'interazione tra chiave e serrature consente l'apertura di porte che sono deputate al controllo dell'attività cerebrale e non solo.
Andiamo ora a vedere le sue funzioni nello specifico.

LA SEROTONINA INFLUENZA L'UMORE

I livelli di serotonina nel sistema nervoso centrale influiscono sull'umore. Quando i livelli di serotonina sono alti, percepiamo uno stato di benessere e addirittura di euforia. Viceversa bassi livelli di serotonina sono abituali in persone che soffrono di depressione. Per aumentare naturalmente i livelli di serotonina una soluzione è l'attività fisica che aiutandoci a bruciare carboidrati e zuccheri tende a far salire i livelli di serotonina rispetto ad altri neurotrasmettitori.
Ci sono anche alimenti che contengono il triptofano, l'amminoacido da cui viene sintetizzata la serotonina. Il triptofano e contenuto in latticini e carni, cioè negli alimenti proteici.
Il fatto che la serotonina agisca sull'umore è reso evidente anche dagli effetti di alcune droghe, come l'MDMA che inducono l'aumento del rilascio di serotonina e l' incremento dell'attività dei suoi recettori, dando effetti piacevoli ed euforizzanti.
Spesso nei casi di sindrome premestruale ci si accorge che i livelli di serotonina sono bassi e pertanto l'umore diventa incontrollabile.

EFFETTI DELLA SEROTONINA SUL SONNO

La serotonina essendo un precursore della melatonina, influenza e sincronizza il ciclo sonno-veglia con le fluttuazioni endocrine quotidiane. Quindi se abbiamo un alto livello di serotonina potremo godere di un sonno più facile, sano e ristoratore.

EFFETTI DELLA SEROTONINA SULL'APPETITO

La serotonina regola anche il nostro appetito e il tipo di nutrienti che il nostro corpo richiede. Se abbiamo un alto livello di serotonina avremo meno appetito, ed una ricerca inconscia di cibi proteici a scapito dei carboidrati e degli zuccheri. Viceversa bassi livelli di serotonina portano a scompensi dell'appetito, alimentazione squilibrata e bulimie nervose.

EFFETTI DELLA SEROTONINA SULLA MUSCOLATURA LISCIA

La serotonina contenuta nella muscolatura liscia influenza le funzioni intestinali. In generale per semplificare possiamo dire che livelli troppo bassi di serotonina portano ad uno stato di stitichezza, mentre eccessi di serotonina possono dare diarrea.
È interessante vedere anche come la serotonina sia implicata nelle complicate reazioni tra il sistema nervoso e il sistema digerente, come nei casi in cui ansia e nervosismo ci portano ad una risposta fisica come il mal di stomaco o gli attacchi di diarrea.

EFFETTI DELLA SEROTONINA NEL SANGUE

La serotonina nel sangue è contenuta nelle piastrine. La sua presenza agisce come vaso costrittore. In alcuni casi ad esempio, dove vi sono lesioni vascolari, la serotonina agisce con una contrazione dei vasi stessi per evitare emorragie.
In altri casi, regola la dilatazione dei vasi intra-cranici la cui eccessiva costrizione o dilatazione porta al fenomeno doloroso dell'emicrania. La serotonina regola la vasocostrizione eliminando il dolore.

Per potere avere buoni livelli di serotonina e non soffrire di tutti i problemi che implicano i livelli bassi di questo neurotrasmettitore, dobbiamo fare esercizio fisico con regolarità, alimentarci privilegiando le proteine e cercare di seguire una vita regolare.
Tuttavia è utile prendere supplementi alimentari nei casi in cui i bassi livelli di serotonina colpiscono alcuni aspetti fondamentali della nostra vita come appunto la depressione, la carenza di sonno e i problemi alimentari. I supplementi e integratori utili sono quelli che contengono il triptofano, l'amminoacido essenziale da cui il corpo umano produce serotonina.
Altri rimedi naturali che aumentano i livelli di serotonina sono il luppolo, la genziana, l'erba di san Giovanni, l'iperico e la grifonia.

LA DOPAMINA

La Dopamina è un neurotrasmettitore rilasciato dal cervello che svolge una serie di ruoli in esseri umani ed in altri animali. Alcune delle sue funzioni notevoli sono in:
1) movimento
2) memoria
3) ricompensa piacevole
4) comportamento e cognizione
5) attenzione
6) inibizione di produzione della prolactina
7) sonno
8) umore
9) apprendimento
L'Eccesso e la carenza di questo prodotto chimico vitale è la causa di parecchi stati di malattia. La Malattia del Parkinson e la tossicodipendenza sono alcuni degli esempi dei problemi connessi con i livelli anormali della dopamina.

Dove è prodotta la dopamina?

La Dopamina è prodotta nei neuroni dopaminergici nell'area tegmental ventrale (VTA) del mesemcefalo, del compacta di parità del nigra di substantia e del nucleo arcuato dell'ipotalamo.

Dopamina nel movimento

Una parte del cervello chiamato i gangli basali regolamenta il movimento. I gangli Basali a loro volta dipendono da una certa quantità di dopamina per funzionare a risparmio. L'atto di dopamina si presenta tramite ricevitori della dopamina, D1-5.

La Dopamina diminuisce l'influenza della via indiretta ed aumenta gli atti della via diretta all'interno dei gangli basali. Quando c'è una carenza in dopamina nel cervello, i movimenti possono diventare in ritardo e non coordinati. Dal retro, se c'è un eccesso di dopamina, il cervello induce l'organismo a fare i movimenti inutili, quali i tic ripetitivi.

Dopamina nel comportamento di ricerca della ricompensa di piacere

La Dopamina è il prodotto chimico che media il piacere nel cervello. È rilasciata durante le situazioni piacevoli e stimola l'individuo a cercare l'attività o l'occupazione piacevole. Ciò significa che l'alimento, il sesso e parecchie droghe di abuso sono egualmente stimolanti della versione della dopamina nel cervello, specialmente nelle aree quali il nucleus accumbens e la corteccia prefrontale.

DOPAMINA E DIPENDENZA

La Cocaina e le anfetamine inibiscono la ricaptazione di dopamina. La Cocaina è uno stampo del trasportatore della dopamina perciò inibisce l'assorbimento della dopamina.

L'Anfetamina aumenta la concentrazione di dopamina nella differenza sinaptica, ma da un meccanismo differente. Le Anfetamine sono simili in struttura alla dopamina e possono entrare nel neurone presinaptico, entrando, le anfetamine espellono le molecole della dopamina dalle loro vescicole di archiviazione e aumentano la presenza di dopamina e diventano ipersensibili alla dipendenza e al piacere.

Dopamina e memoria

Livelli di dopamina nel cervello aiutano particolarmente la corteccia prefrontale, aiuta la memoria e migliora l'attenzione. La dopamina è responsabile per determinare la memoria a breve termine. Le concentrazioni Diminuite di dopamina nella corteccia prefrontale contribuiscono al disturbo da deficit di attenzione.

COS'E' L'EDUCAZIONE ALIMENTARE

Il Nutrizionista, in primo luogo, deve fornire le regole indispensabili per una vera e propria educazione alimentare. Ma cosa significa esattamente?
L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e la Food and Agriculture Organization (FAO) hanno dato una precisa definizione di "Educazione Alimentare":
"Processo informativo ed educativo per mezzo del quale si persegue il generale miglioramento dello stato di nutrizione degli individui, attraverso la promozione di adeguate abitudini alimentari, l'eliminazione dei comportamenti alimentari scorretti, l'utilizzazione di manipolazioni più igieniche degli alimenti ed un efficiente utilizzo delle risorse alimentari".

La prima regola fondamentale per nutrirsi in modo corretto ed equilibrato inizia sin dal mattino con una adeguata COLAZIONE.
La colazione è il pasto più importante della giornata, perché è al mattino che il motore del nostro corpo si accende completamente ed è questo il momento migliore per fare il pieno di energia e fornirgli il "carburante migliore".
Non fare colazione al mattino è il modo più errato di iniziare la giornata perché in tal modo si parte già in riserva d'energia. A lavoro, come a scuola o nelle faccende domestiche, non risulta possibile riuscire ad avere la concentrazione giusta.
Senza il giusto apporto di nutrienti al mattino, anche il livello di zuccheri nel sangue cala drasticamente e porta al verificarsi di attacchi improvvisi di fame, traducibili in un eccessivo desiderio di carboidrati raffinati, nutrienti che l'organismo, durante il processo digestivo, trasforma immediatamente in zuccheri semplici.
Non bisogna tra l'altro neanche fare una colazione a base di soli carboidrati poiché l'eccessiva produzione di zuccheri semplici (derivati dalla digestione dei carboidrati), induce un aumento ponderale della glicemia e di conseguenza una sovrapproduzione di insulina nel sangue, il cui ruolo è quello di trasformare gli zuccheri in eccesso in grassi di riserva, al fine di normalizzare i livelli di glicemia. L'eccesso di zuccheri costringe il pancreas ad un costante sovraccarico di lavoro per produrre insulina e ciò rappresenta una delle cause più frequenti di insorgenza del sovrappeso e diabete.
Una corretta educazione alimentare riguarda anche regole di comportamento sul modo di stare a tavola e di consumare gli alimenti:
Sedersi correttamente a tavola, tenendo la schiena dritta, favorisce una corretta respirazione ed evita che lo stomaco si comprima.
Masticare bene e a lungo, oltre a fare gustare meglio il cibo, rinforza i denti e le gengive, favorisce la digestione, fa assimilare meglio gli zuccheri e fa evitare di mangiare troppo, perché permette di sentirsi sazi esattamente quando si è mangiato il giusto.
Limitare il consumo di alimenti prima di compiere attività fisica.
Limitare l'attività fisica nel momento della digestione.

Una buona educazione alimentare si basa su due punti fondamentali:
1) Varietà e quantità dei cibi consumati.
La necessità di avere una dieta varia che comprenda alimenti con caratteristiche nutrizionali differenziate, deriva dal fatto che nessun alimento, consumato singolarmente, contiene tutte le sostanze nutritive in grado di soddisfare tutte le esigenze del nostro corpo; è esclusivamente la combinazione degli alimenti, capace di rendere l'alimentazione in grado di soddisfare i nostri fabbisogni nutrizionali ed energetici. E' quindi fondamentale variare il più possibile l'alimentazione, mangiando molti cibi diversi, in quantità adeguate per il nostro organismo e per il tipo di attività che svolgiamo.
2) Combinazioni alimentari.
Insieme alla varietà ed alla quantità dei cibi consumati, è importante fare attenzione anche alle combinazioni tra alimenti diversi, in quanto non tutti vengono digeriti nello stesso modo dal nostro organismo. Scorrette combinazioni potrebbero causare spiacevoli conseguenze legate a problemi digestivi, quali acidità di stomaco, sonnolenza, gonfiore.
Una fase digestiva prolungata, inoltre, può causare fermentazione dei cibi, limitare l'assimilazione dei nutrienti e causare la produzione di tossine ed affaticamento dell'organismo.

ISCER - P.I. 04859130280